ArteInMovimento by Daniela Scarel

ArteInMovimento by Daniela Scarel
Marco Mazzoni, Artista - " C’è un libro sempre aperto per tutti gli occhi: la natura. " (Jean-Jacques Rousseau)

sabato 14 marzo 2020

VIVA L'ITALIA !



immagine sul sito: Castelfranco Piandiscò



ITALIANI!

Qualcuno vuole farvi credere di essere POVERI, da molto tempo.
Qualcuno ha affossato le borse perchè vi siete presi qualche settimana per risolvere un problema, il temuto Coronavirus.

Eppure quando vi prendete un mese o due di ferie questo non succede...
Eppure quando ogni anno arriva l'autunno e l'influenza stagionale uccide migliaia e migliaia di persone nessuno batte ciglio...e le borse non crollano a picco...

Vi siete chiesti come mai?

Avete notato che qualcuno ha dato una spintarella alle borse per farvi cadere nel baratro?
Perchè lavorate tanto e continuano a dirvi che siete POVERI e che dovete pagare IL DEBITO?


Ve lo dico io: perchè IN REALTA' SIETE RICCHI E NON ESISTE NESSUN DEBITO!
Avete tutto!
Vostre sono le montagne più belle del mondo, ai cui piedi stan dei laghi decantati dai più antichi poeti...

Vostre sono verdi e fertili pianure, isole meravigliose, mari pescosi e migliaia di km di coste così belle da fare invidia a chiunque a questo mondo.
Avete cibo in abbondanza, vario fresco e buono...arance, pesche, pomodori, meloni, angurie, olive, melanzane, ...potrei metterci ore ad elencare la smisurata varietà dei frutti della vostra ricca terra...avete anche i frutti del mare...pesci di acqua dolce e salata...spezie...boschi ricchi di fauna, selvaggina e legni pregiati...

AVETE TUTTO!


Siete padroni di una tale abbondanza e varietà di risorse che nemmeno immaginate.

Per migliaia di anni abbiam vissuto in un paradiso terrestre, abbiamo prosperato a tal punto da poterci permettere tempo libero per fare arte...e siamo noi, italiani, ad avere il 70% di tutto il patrimonio artistico del mondo.

Abbiamo potuto farlo grazie alla ricchezza del meraviglioso paese in cui viviamo!
 Tanto che per noia forse, a un certo punto della storia, abbiam deciso di andare un po' più in là, a vedere cosa c'era oltre le nostre amate Alpi ed oltre i NOSTRI MARI, ed abbiamo conquistato tutto il mondo conosciuto.
Abbiam così creato un impero e scoperto che non esiste altro posto al mondo bello come l'Italia. 
Siamo stati maestri della guerra e lo siamo diventati della pace.

Da secoli le nostre industrie conoscono e custodiscono i segreti dei metalli e produciamo le migliori leghe del mondo.
Abbiamo partorito le migliori menti ed a tutt'oggi esse ci rendono orgogliosi di essere italiani anche se molte fanno scoperte scientifiche da laboratori all'estero.
Produciamo le più belle automobili del mondo, strumenti all'avanguardia, apparecchiature medicali, armamenti, navi, aerei, treni...siamo in ogni campo e ci piace eccellere! 

La qualità per noi è tutto!
Non vi manca nulla cari italiani.
Avete tutto!

Allora perchè vi dicono che siete poveri? Che c'è un debito (che in realtà non esiste) e che lo dovete pagare?

Ve lo dico io: PERCHE NON AVETE PIU' UNA MONETA E CHI LA STAMPA GRATIS DALLA MATTINA ALLA SERA POICHÈ HA DA MANGIARE SOLO SARDINE LICHENI E PATATE VI VENDE I PEZZETTINI DI CARTA IN CAMBIO DI DEBITO, COSÌ VOI DOVETE PURE PAGARE GLI INTERESSI.

Credete di essere poveri?

Bene! È proprio quello che vogliono...così svenderete tutte le vostre ricchezze, tutto quello che loro non hanno...venderete tutto...

Stanno gia stampando i pezzettini di carta con cui comprare tutto quello che loro non hanno, ma che voi avete già...

Non fatevi fregare italiani!
Avete già tutto!
Allora perchè vi vogliono senza soldi?

PERCHÈ AVETE ANCHE UNA DELLE RISERVE D'ORO PIÙ GRANDI DEL MONDO E VE LA CHIEDERANNO UN GIORNO, PER PAGARE UN DEBITO CHE NON È MAI ESISTITO, FATTO DI PEZZETTINI DI CARTA, STAMPATI DA UNO STRANIERO CHE NON AVEVA ALTRO DA MANGIARE SE NON SARDINE, LICHENI E PATATE ( O QUALCOSA DI BUONO COMPRATO IN ITALIA).

SARÀ LA RAPINA PIÙ GRANDE DELLA STORIA.

Restituiamogli i loro pezzettini di carta, chiudiamo le Alpi e poi...se vogliono mangiare...il prezzo delle nostre risorse decidiamolo noi...
Stanchi di mangiare patate e licheni?
Volete i mandarini? Meloni? Angurie? Melanzane? Ne abbiamo di roba da vendere...da noi la ricchezza cresce sugli alberi e non solo...

VOLETE LE ARANCE?
1 KG SON 10 GRAMMI DI ORO...
SE LE VOLETE È COSÌ...


SENNÒ SE LE MAGNAMO NOI CHE SEMO POVERACCI ITALIANI E VOI CHE SIETE RICCHI MAGNATEVE A PATATA!



SVEGLIA ITALIANI!
SIETE VOI QUELLI RICCHI!
AVETE TUTTO E DI PIÙ!

NON FATEVI FREGARE! VIVA L'ITALIA!




Condividi questo messaggio con i tuoi fratelli italiani

Grazie

Firmato 

QUALCUNO CHE CI VUOLE BENE 

giovedì 12 marzo 2020

La salvezza è attuare la Costituzione - Mauro Scardovelli





Il Coronavirus costituisce certamente un pericolo, dal quale bisogna difendersi con le dovute precauzioni, che la scienza medica sta mettendo in campo. Ma il Coronavirus presenta un pericolo assai minore rispetto ad un virus infinitamente più antico e potente: il Finanzvirus.

Il Finanzvirus è responsabile della distruzione dell'economia reale, della distruzione del lavoro, della distruzione dei diritti umani, della distruzione dell'ambiente,e, cosa più grave di tutte, della distruzione della PSICHE UMANA, cioè della naturale socievolezza, solidarietà e donatività, delle persone e dei popoli psichicamente sani. 

Oggi il mondo è dominato da un ristretto numero di banchieri psicopatici, che odiano l'umanità e la vita, e che ci stanno portando a completa rovina.

2. Che cosa è l'Unione Europea 

L'Unione Europea non è l'Unione dei Popoli europei, non è la solidarietà tra i Popoli e i lavoratori europei. L'Unione Europea è l'Unione delle Banche private contro i Popoli e i lavoratori, contro l'economia reale, contro la salute e il benessere delle persone.


L'Unione Europea è una dittatura finanziaria che concentra la ricchezza nelle mani di un ristretto gruppo di capitalisti, sottraendola ai lavoratori che la producono. Si alimenta così la povertà e la guerra tra poveri.

I capitalisti,  possedendo i mezzi di informazione di massa, impediscono ai popoli di vedere questa semplicissima verità.

3. La salvezza è attuare la Costituzione

I nostri Padri costituenti avevano ben chiaro che il Finanzvirus era storicamente responsabile delle decine di milioni di morti delle due guerre mondiali, nonché dei totalitarismi del novencento. Esso hanno discusso ed approvato una Carta costituzionale, la più democratica del mondo, per metterci al riparo, una volta per tutte, dall'incubo del Finanzvirus. Consapevolezza popolare indispensabile a sconfiggerlo.

Perché dico questo? Perché il Coronavirus smaschera la vera natura dell'Unione Europea, la quale impedisce all'Italia di stampare moneta non a debito persino in un momento di estrema emergenza per la salute dei suoi cittadini. La cosa più importante per l'Unione Europea non è la salute dei cittadini. La cosa più importante è che noi non sfioriamo il limite del 3% di deficit previsto dai Trattati Europei. Le persone possono morire, i medici possono morire. Gli interessi della finanza vengono prima!

E quali sono questi interessi? Sono gli interessi dei capitalisti e dei banchieri di speculare e di diventare sempre più ricchi a scapito di tutti gli altri.

La nostra Costituzione prevede il divieto dell'attività speculativa  e la protezione dei lavoratori.
Prevede il divieto assoluto di cedere la sovranità monetaria alle banche private, che in tal modo acquisiscono il controllo sull'economia e sulla politica.
Se andiamo avanti in questa direzione, ciò che ci aspetta è di fare la fine della Grecia.

Uniamo perciò le nostre forze intorno alla bandiera della nostra Costituzione, ultimo baluardo che può salvarci dalla rovina!

Mauro Scardovelli 




mercoledì 4 marzo 2020

* Il Quarto Stato * di Giuseppe Pellizza da Volpedo


" Il Quarto Stato " 
Giuseppe Pellizza da Volpedo
Museo del '900, Milano 

„ La nostra volontà gareggerà con la nostra fede. E l'Italia - rigenerata dai dolori e fortificata dai sacrifici - riprenderà il suo cammino di ordinato progresso nel mondo, perché il suo genio è immortale.“ — Enrico De Nicola

sabato 28 dicembre 2019

MuSa - Museo di Salò (Brescia)




































Durante i secoli della Serenissima (1426-1797) Salò promosse e consolidò il proprio primato nella Comunità di Riviera attraverso la committenza artistica. Il Duomo, ricostruito dal Comune dal 1453 con l’ambizione di farne il centro religioso dell’intera Comunità di Riviera, è tuttora con la sua architettura e gli splendidi arredi, il simbolo della grandezza salodiana. Il MuSa ospita nelle sale al primo piano alcune delle opere acquistate per la chiesa cittadina dal Comune: di particolare rilievo sono i codici miniati ( una Bibbia atlantica prodotta intorno al 1120-1130 da un atelier romano e di quattro corali veronesi di fine Trecento, prossimi ai modi di Martino da Verona) acquistati dal comune nel 1448 ed esaltati da cronisti e letterati fin dal ‘500.

Attraverso le opere esposte è possibile seguire l’evoluzione della cultura figurativa e del gusto fino alla fine del Settecento: la grande tela di Sante Cattaneo (La Riviera ringrazia il provveditore Soranzo, 1786) celebra a un tempo la liberazione della Riviera dai banditi che ne minacciavano la sicurezza e i commerci e la recuperata grandezza dopo la dura esperienza della peste e della crisi seicentesche. Alle soglie della rivoluzione giacobina è l’ultima esaltazione della secolare civiltà veneziana sul lago.



l secondo piano del complesso di Santa Giustina ospita una serie di opere esemplari della produzione artistica a Salò tra la metà dell’Ottocento e gli anni Venti del Novecento.

Le difficoltà economiche e sociali legate alla perdita del ruolo dominante sul Garda bresciano e l’instabilità politica non impedirono infatti alla città di partecipare alla cultura artistica ottocentesca.

Il rinnovamento urbanistico avviato in età napoleonica si completò nel 1853 con la realizzazione del cimitero sulla sponda opposta del Golfo: la progettazione della struttura, ben visibile dal MuSa, venne affidata al bresciano Rodolfo Vantini e nella sala ne sono esposti alcuni disegni.

Gli splendidi ritratti fin de siècle restituiscono i volti della società salodiana che guidò la città tra gli anni Ottanta e la I Guerra Mondiale: protagonista assoluto della scena artistica è Angelo Landi (1879 – 1944), affiancato dagli anni ’20 dal torinese Anton Maria Mucchi (1871-1945) che tanto peso avrà nella costruzione dell’identità storica della città.

Di San Felice del Benaco era Angelo Zanelli (1879-1942) di cui il MuSa espone un inedito, intenso busto di Giuseppe Zanardelli (il politico bresciano che con il suo appoggio permise alla città di rinascere dopo il rovinoso terremoto che la danneggiò gravemente nel 1901), e un bozzetto per il fregio del Campidoglio di Cuba, che ne testimonia la grande fama internazionale.



Al terzo livello della chiesa di Santa Giustina è esposta una selezione a rotazione dei fogli della Civica Raccolta del Disegno, un’istituzione eccezionale in Italia per l’entità della collezione, per la qualità e per la sua natura pubblica: nel 1983 un comitato di privati cittadini costituì un fondo collezionistico stabile con il proposito di raccogliere testimonianze grafiche dell’arte italiana dal secondo dopoguerra ad oggi. Il comitato composto tra gli altri da Attilio Forgioli, Flaminio Gualdoni, Pino Mongiello, nel 1985 donò il fondo acquisito (43 disegni) al Comune: da allora, grazie anche a una convenzione con la Provincia di Brescia, la Raccolta si è accresciuta fino alla consistenza attuale di circa 600 disegni, oggetto di periodiche esposizioni nazionali e internazionali.

Nella Raccolta sono rappresentate le tendenze dell’arte italiana dal Secondo Dopoguerra alla contemporaneità attraverso alcuni importanti precedenti (De Pisis, Romani, Martini) e le opere dei maggiori protagonisti, da Fontana, a Licini e Sironi, alle ricerche astratte di Soldati, Dorazio, Accardi, Sanfilippo, all’informale (Birolli, Morlotti, Vedova, Mandelli, Afro), al neorealismo e alle posizioni neofigurative (Forgioli, Francese, Cavaliere, Stagnoli), fino alle espressioni più recenti.



La sezione racchiude una parte dei manifesti di una collezione privata dedicata alla propaganda del regime fascista tra il 1922 e il 1945. Per una dittatura la propaganda è essenziale, e quella fascista non fece eccezione. Venne usato ogni strumento – giornali, radio, comizi – ma soprattutto la nascente “civiltà dell’immagine”.
I manifesti, spesso curatissimi nella grafica, coprivano i muri d’Italia con messaggi categorici (e a cui non era possibile replicare), sia per sottolineare le realizzazioni del regime, sia per indicare al popolo obiettivi e necessità.
Naturalmente erano più numerosi, fino all’ossessione, nei momenti più drammatici, come nel periodo di guerra e della Repubblica Sociale Italiana.

Nel 1935 fu nominato un ministro speciale per la propaganda, con lo scopo dichiarato di dare un’immagine corretta e reali del fascismo, confutando ambiguità e menzogne sostenute dagli avversari. Le tematiche sono varie: il culto del Duce, la propaganda elettorale, quella filo-tedesca e anti-americana, il sociale, l’esaltazione del progresso, dell’efficienza dello stato e degli ideali del regime quali l’onore, il coraggio, il disprezzo per chi non collaborava.

Oggi sono proprio quei manifesti, in particolare, che ci ricordano il valore della pace e della libertà.


Sito UfficialeMuSa - Museo di Salò

Contatti 

+39 0365 20553
info@museodisalo.it


lunedì 9 dicembre 2019

Contemplazioni a cura di Vittorio Sgarbi 2019 - Salò (BS)

Contemplazioni
a cura di Vittorio Sgarbi
dal 10 Aprile 2019 al 8 Dicembre 2019 

Agostino Arrivabene
" Iera " (Sacra) 2019
smalto in oro e olio su legno fossilizzato
Collezione Privata

Agostino Arrivabene
" Iera " (Sacra) 2019
particolare


Agostino Arrivabene
" L'Indeciso " 1995
Agostino Arrivabene" L'Indeciso " 1995
particolare



Agostino Arrivabene
" L'Annunciata " 2016

Agostino Arrivabene 
" L'Annunciata " 2016
particolare

Agostino Arrivabene
" Athena " 1996
Collezione Privata
Agostino Arrivabene
" Athena " 1996
particolare



Agostino Arrivabene
" Athena " 1996
particolare

Agostino Arrivabene

Agostino Arrivabene

Agostino Arrivabene

Agostino Arrivabene

Agostino Arrivabene

Agostino Arrivabene
" I Figli della Notte " 1993
Collezione Privata

Agostino Arrivabene
" I Figli della Notte " 1993
particolare

Agostino Arrivabene
" I Figli della Notte " 1993
particolare

Agostino Arrivabene
" I Figli della Notte " 1993
particolare


Agostino Arrivabene
" I sette giorni di Orfeo " 1996
olio su tavola
Collezione Privata 

Agostino Arrivabene 
" I sette giorni di Orfeo " 1996
olio su tavola 
Collezione Privata
particolare

Agostino Arrivabene 
" I sette giorni di Orfeo " 1996
olio su tavola 
Collezione Privata
particolare


Agostino Arrivabene
" Il rizoma di Pugin " 2016
olio su lino
Collezione Privata 

Agostino Arrivabene 
" Il rizoma di Pugin " 2016
olio su lino 
Collezione Privata
particolare

Agostino Arrivabene
" L'Orbe " 2018
olio su lino
Collezione Privata

Agostino Arrivabene
" L'Orbe " 2018
olio su lino 
Collezione Privata
particolare

Agostino Arrivabene
" L'Orbe " 2018
olio su lino 
Collezione Privata
particolare

Agostino Arrivabene
" L'Orbe " 2018
olio su lino 
Collezione Privata
particolare
Agostino Arrivabene
Agostino Arrivabene
particolare



Agostino Arrivabene
particolare

Agostino Arrivabene
particolare


Agostino Arrivabene
particolare

Agostino Arrivabene
particolare

Agostino Arrivabene

Agostino Arrivabene

Agostino Arrivabene
" La Grande Opera "

Agostino Arrivabene
" La Grande Opera "
particolare

Agostino Arrivabene

Agostino Arrivabene
particolare

Agostino Arrivabene
particolare
Agostino Arrivabene
particolare




Luigi Serafini 

Luigi Serafini
particolare

Domenico Gnoli 

Domenico Gnoli 

Cesare Inzerillo

Cesare Inzerillo

Gaetano Pesce

Gaetano Pesce



* Contemplazioni *
a cura di Vittorio Sgarbi
2019 - Salò (BS)

Dal 10 Aprile al 8 Dicembre 2019

Agostino Arrivabene
Luigi Serafini
Domenico Gnoli
Cesare Inzerillo
Gaetano Pesce



" Non c'è altro modo di essere contemporanei
che essere qui e ora.
Così, insieme alla contemporaneità
di ciò che esiste, c'è la contemporaneità
di ciò che è esistito e continua a vivere ".

Vittorio Sgarbi
Sito Ufficiale: https://www.vittoriosgarbi.it/

Il percorso inizia con le stanze di Arrivabene, a mezz’aria tra luoghi magici e wunderkammer.
Si prosegue nel mito e ci si ritrova nel giardino notturno di Luigi Serafini dove, sotto una brillante luna crescente, ci appare, come in sogno, immersa dal rumore dei grilli, una Persèfone dormiente, materializzatasi come per magia dalle pagine del Codex Seraphinianus nel pieno della sua metamorfosi.
Si lascia il buio della notte e, avvicinandosi alle opere di Gnoli, ci si avvicina al segreto delle cose, alla loro essenza. L’universo si può chiudere in una stanza, in questa stanza, dipinta con il medesimo colore del Buste en vert, grande protagonista di questa sezione.
In un corridoio tappezzato con carta da parati dal sapore barocco, Inzerillo allinea i suoi residui
di umanità, accomodati come le persone che furono, nei ruoli che ebbero. Una classe morta, come fu quella di Tadeusz Kantor. Infine entriamo nell’orbita di Pesce, uno dei maggiori interpreti della cultura contemporanea internazionale. Ciascuna delle sue opere sembra interrogarci con le parole del loro autore: “La differenza è vita?”, “Esiste un’estetica del difetto?”, “L’uso quotidiano uccide l’oggetto d’arte?”. Domande complesse, alla base dell’esercizio creativo contemporaneo, a cui gli oggetti stessi, con la loro semplice e gioiosa esistenza, sembrano dare risposta.


Contemplazioni
Sito Ufficiale: https://contemplazioni.it/

Museo della Follia
Sito Ufficiale: http://www.museodellafollia.it/



MuSa - Museo di Salò
Sito Ufficiale: https://www.museodisalo.it/



Foto Scattate da Daniela Scarel