venerdì 28 marzo 2014

" FOGLI DI LUCE INCISA " Marzo/Aprile 2014 di Gianni Atzeni





Arte 52
" FOGLI DI LUCE INCISA "
dal 28 Marzo al 27 Aprile 2014
Personale di Gianni Atzeni

Sito ufficiale:
http://www.poliartstudio.blogspot.it/
http://www.biografygiatzen.blogspot.it/


Museo Naturalistico del Territorio G. Pusceddu
Museo ( Sa Corona Arrubia )
Sito ufficiale: http://www.sacoronarrubia.it/


a cura di

Episio Carbone e Giorgia Atzeni
28 Marzo
Inaugurazione ore 17,00



Performance - 28 Marzo ore 18,00

KRIORBS

Musca: Roberto Zanata e Marco Ferrazza
Immagini luminose Kriorbs di Gianni Atzeni




Il progetto Arte52 arriva al suo undicesimo appuntamento. Fortemente voluto dal Consorzio Turistico Sa Corona Arrùbia è, ormai da mesi, divenuto un’importante realtà culturale che trasforma il Museo del Territorio in centro di aggregazione culturale che da una parte mira a consolidare le peculiarità proprie della struttura museale, dall’altra vuole sensibilizzare ed educare all’arte stimolando l’interesse e la partecipazione attiva del pubblico. Il patrimonio artistico sardo diviene così strumento di valorizzazione per l’intera comunità attraverso la promozione delle risorse di creatività e di iniziativa.


L’inaugurazione della personale “Fogli di luce incisa” si terrà venerdì 28 marzo alle ore 17 presso il Museo Naturalistico del Territorio “ G. Pusceddu”, l’esposizione si potrà visitare fino al 27 aprile 2014. Per l’occasione è prevista anche una perfomance con sculture di luce accompagnate dalla musica elettronica del gruppo KRIORBS ed il finissage della mostra di Sergio Bolgeri con la presenza dell’ottantenne artista algherese, la lettura delle sue poesie e il commento del critico d’arte Neria di Giovanni.


La ricerca di Gianni Atzeni, nato a Cagliari nel 1947, costantemente volta alla scoperta e alla sperimentazione di nuovi materiali, tiene sempre viva la più profonda delle sue aspirazioni: riuscire a catturare la luce. Egli vi riesce con la forza del torchio improntando la sua ricerca più raffinata alle tecniche incisorie. Questo linguaggio lo avvicina sovente all’universo sonoro della musica e della natura. Ecco quindi affiorare sulle carte capricciosi arabeschi come boccioli mossi dal vento, farfalle danzanti su paesaggi dell’anima e squarci di testo che omaggiano la parola, anch’essa, come la musica, portatrice di messaggi universali. Ama realizzare a mano libri d'artista, arazzi cartacei e, da ultimo, si esibisce in curiose performances con giochi di luce, chiamate “KRIORBS”, progetto studiato con i compositori di musica elettronica Roberto Zanata e Marco Ferrazza.